05/05/2014

Marcel Vervloesem è ospedalizzato

marcel.4.5.14.jpg

April 28, 2014
 
Marcel Vervloesem, il fondatore dell'associazione belga 'Werkgroep Morkhoven' che è stata perseguitata e stigmatizzata per una quindicina di anni dalle autorità belghe che volevano soffocare in questo modo il caso pedocriminale di Zandvoort, è di nuovo ospedalizzato
 
Vervloesem che è molto ammalato e che ha rifiutato le medicine in carcere, ha avuto un cancro, e ha grossi problemi cardiorenali.  Lui ha anche un diabete ed ha bisogno di molte medicine.
 
Qualche giorno fa non si sentiva male a casa sua. poi è caduto sul pavimento ,e ha toccato una pentola di acqua bollente che era sul piano di cottura a gas. la sua gamba sinistra è stata ustionata di terzo grado e gli specialisti pensano ad un intervento chirurgico.
 
LUi soffre molto e l'incidente è un problema in più per il suo cuore (un intervento chirurgico al cuore non è più possibile perchè sono aumentati i rischi).
 
Tutto ciò gioca un ruolo importante nella diminuzione della sua salute abituale già compromessa, per Vervloesem sono già circa due anni che la giustizia belga lo ha perseguito di nuovo per "presunti abusi sessuali". La 'prova' di questa nuova accusa è la storia fantasiosa di suo mipote Dimitri che ,come al solito, è stato pubblicato il tutto su l giornale   " Het Nieuwsblad'.  
C'è da dire che questo Dimitri ha dei buoni contatti con Victor V., il fratellastro di Vervloesem. Questi ed alcuni suoi amici gay accusavano Vervloesem «di abusi sessuali» di quindici anni fa. Le accuse erano fondate su dei fatti autoriferiti e che sarebbero avvenuti in passato. Queste storie erano state pubblicate dai soliti giornalisti del 'Het Nieuwsblad'  che hanno buone relazioni con i magistrati.  
Era giusto il momento che la stmpa internazionale, ivi compresi tre giornali principali giapponesi, arrivava al paese Morkhoven per intervistare Vervloesem autore della scoperta della rete Zandvoort che, secondo un rapporto della polizia federale belga, contava 88.539 bambini maltrattati e sessualmente abusati.
 
Come precedentemente c'era stato il caso, che i giudici di Turnhout che avevano soffocato il caso pedocriminale Zandvoort, non hanno nemmeno cosiderato che le dichiarazioni giusdtificative dimostravano l'innocenza di Vervloesem nel caso Dimitri.
 
I giudici di  Turnhout  sono restati spettatori passivi, nel momento che questo, con l'aiuto di Victor V., ha cominciato a terrorizzare la figlia e la nipote di  15 anni di Vervloesem. Grazie al silenzio dei giudici, questo terrore è durato mesi. 
I blogs dell'associazione Werkgroep Morkhoven erano stati egualmente chiusi per diversi mesi per impedire che si trovassero legami di questo scandalo giudiziario con il soffocamento del caso Zandvoort. 
 
La figlia e gli amici di Vervloesem avevano denunciato a più riprese alla polizia della città di d'Herentals e di Turnhout le minacce di Dimitri.  Le denunce erano accompagnate dalle prove del caso. 
 
Victor V. ed il sunnominato Dimitri non sono mai stati perseguiti per questi atti terrroristici. Il comitato P, un organo parlamentare che deve verificare il comportamento della polizia, scriveva recentemente che non era stata fatta nessuna inchiesta 'perchè il ministro degli Interni Joëlle Milquet (cdH, democraticacristiana) aveva già contattato il procuratore della giustizia di Turnhout'. In questo modo il caso è stato di nuovo chiuso e ci si è trovati in un cerchio vizioso.
 
IL ministro della giustizia belga Annemie Turtelboom (Open VLD, Partito liberale) lfaceva rispondere da un suo impiegato che lei non aveva potuto far nulla per la separazione dei poteri, mentre poi nominava il procuratore Jan Poels della Giustizia di Turnhout capo del suo gabinetto. Il soffocamento del caso  Zandvoort et gli atti terroristici sono dunque il risultato della corruzione politica e giudiziaria.
 
L'inchiesta del caso Zandvoort e le minacce dei criminaucoli che però potevano terrorizzare cittadini innocenti e la famiglia del nostro Marcel Vervloesem, sono stati dunque bloccati completamente dalle autorità belghe corrotte.
Il tribunale di Turnhout certamente usa in continuazione ogni sorta di criminali da strapazzo che possono aiutare a distruggere la salute di Vervloesem.
 
Ciò che è grave in questo caso è il fatto che ci sono stati 30 processi verbali contro Victor V. concernenti reati sessuali su ragazzi. Questi non sono mai stati portati in tribunale mentre ogni accusa contro Vervloesem è stata seguita da inchieste e diffamazioni dei media belgi che sostengono la corruzione e non parlano mai del caso pedocriminale di Zandvoort.
Victor V. che sa appena scrivere è sostenuto in pieno dal sindaco di Herentals Jan Peeters,che è come lui, un membrodella direzione del partito socialista fiammingo.
Jan Peeters, a sua volta, è anche membro del Parlamento del partito socialista.
Negli anni 90, lui era segretario di stato e ministro della sicurezza. il premier era Di Rupo che è un gay effettivo ed era  Vice-Premier in quel tempo.
Victor V. è divenmtato consigliere municipale. E' stato nominato: membro della direzione di 'Geelse Huisvesting' (appartamenti sociali), membro della direzione del centro pubblico di aiuto sociale, presidente del Comitato per la sicurezza e della polizia di Herentals e membro della direzione del Consiglio della polizia locale di cui Peeters è il presidente. Lui rappresenta la città di Herentals nei due comuni.
Durante i mesi in cui la nipotina e la figlia (che ha altri due piccoli bambini) di Vervloesem erano terrorizzzate, si è usato uno scanner della polizia. Ci sono dei testimoni che hanno visto questo scanner nell'auto di Victor V.  che era ferma presso la casa della famiglia Vervloesem. Nell'auto si trovava Victor V. ed i suoi degni compari...

28/11/2013

Abuso di bambini: divieto di parlare coi media

Bruxelles, 28 Novembre 2013

Per anni, l'attivista Marcel Vervloesem che ha denunciato il caso di pedocriminalità Zandvoort, è stato oggetto di un divieto da parte della giustizia belga che gli impediva di parlare coi media e la stampa, d'aver contatti con le associazioni che lottano contro gli abusi sui bambini, di condurre ricerche nei casi di abuso, di andare all'estero per partecipare a convegni su questi argomenti, e di avere contatti coi membri della direzione dell'asbl Werkgroep Morkhoven (sebbene questi avevano il diritto di visitarlo ogni settimana durante il suo soggiorno in prigione).

Visto che i suoi divieti sono stati tolti a causa del verdetto della settimana scorsa, Marcel è di nuovo libero di fare quanto gli era stato impedito e ciò provoca l'inquietudine della Giustizia belga a causa della possibilità che l'operazione che questa ha condotto per anni per soffocare il caso Zandvoort venga completamente distrutta  e rivelata come quella che era stata.

E' per questa ragione che la Giustizia dice ed avvisa Marcel di non parlare coi media.

Nel suo messaggio, la Giustizia dichiara che, visto che ogni parte concernata nel  caso giudicato la settimana scorsa ha la possibilità di fare appello dentro di trenta giorni contro il verdetto, Marcel dovrà rispettare questo termine prima di contattare i media.

In tal modo, la Giustizia belga spera di contenere l'indignazione pubblica attorno a questo caso.

Il divieto di parlare col pubblico resterà ancora in vigore, secondo la Giustizia, per tutto il periodo in cui si potrebbe fare ricorso.

Ma questo argomento non ha più luogo, poichè Marcel è in possesso di una decisione firmata da tre giudici diversi dove non si fa menzione di questo divieto.

Nell'ultima decisione della corte di Turnhout (su richiesta del procuratore Flaasch) c'è scritto che la proroga dei divieti termina alla data del verdetto. E questo verdetto è stato dunque nel frattempo pronunciato.

Marcel non si preoccupa più ormai neanche della corte per l'esecuzione delle pene alle cui misure era soggetto a l'época della sua precedente condamnazione, poichè la competenza di questa corte nel caso delle interdizioni prescritte era limitata ad un periodo di quattro anni, cioè che questa corte non può più pronunciarsi, e in conseguenza questa corte ha chiuso il dossier e le restrizioni sono state tolte.

 

Traduzione fr.: Nasus Ovidius, Giorgio

23/11/2013

Abusi sessuali dei bambini: Belgio

di.rupo.milquet.turtelboom.jpg

Condannato più volte per aver scoperrto la rete pedocriminale di Zandvoort con 90000 bambini scomparsi

Bruxelles, 23.11.2013

La corte penale di Turnhout ha di nuovo condannato Marcel Vervloesem per aver abusato di un minore sessualmente. Questa condanna è basata su delle intercettazioni ridicolarmente false, che possono essere state fabbricate dai servizi giudiziari stessi della corte stessa che ha pronunciato il verdetto.

I giudici della corte continuano ad essere frustrati dal fatto che dopo dieci anni  loro non riescono nei loro sforzi a soffocare del tutto il caso pedopornografico di Zandvoort, che secondo la polizia federale stessa ha prodotto circa 90.000 vittime.

E' un anno, e ciò è dichiarato dal Werkgroep Morkhoven ,che la polizia non cerca di intervenire contro una banda di giovani che da molti mesi continuano a molestare pesantemente la figlia e la nipote di 15 anni di Marcel Vervloesem, esercitando una vera campagna di terrore contro loro.

L'autoproclamatasi vittima di Marcel Vervloesem participava a questa campagna di sms e di mails contenente minacce di morte alla giovane nipote. La mamma della nipote aveva stampato queste lettere per aiutare così la denuncia che aveva depositato presso la polizia di Herentals.

Siccome la corte non si augurava ancora di fare inchieste su questi e lettere scritte, noi pubblicheremo tra poco il loro contenuto sul Web.

Noi faremo di tutto con queste lettere che noi abbiamo anche inviato al ministro Elio de Rupo, al Consiglio Superiore, alla Commissione P, ed ai ministri,ai ministri degli Interni e della giustizia (Milquet, del partito cdH., -e Turtelboom del VDL),c ioè a tutti quelli che hanno firmato il progetto nazionale per la sicurezza,ma che hanno rifiutato di prendersi delle responsabilità in questi casi,.

Durante la loro lunga campagna di terrore di circa un anno, la banda di giovani aveva, per giunta, potuto utilizzare uno scanner della polizia per sorvegliare la famiglia Vervloesem.

Le minacce contro questa famiglia hanno lo stesso favorito un attentato per strada alla vita della figlia di Marcel Vervloesem. Si utilizzavano egualmente dei piccoli cocktail Molotov per terrorizzare la famiglia.

Durante tutto questo periodo, i blogs Skynet del Gruppo Morkhoven erano inaccessibili dai membri del gruppo medesimo. Ma ciò non ebbe l'effetto desiderato, poichè il Groupe Morkhoven era riuscito a dare sufficiente pubblicità al caso affinchè Skynet fosse finalmente forzato ad ammettere i suoi difetti ed errori e di riaprire i blog del Groupe.

Per la ministra Turtelboom, questo caso avviene proprio in un momento delicato, poichè il Werkgroep Morkhoven è in grado di provare che lei è corresponsabile di questa manovra di soffocamento del caso, e che non è stato un caso che il procuratore Jan Poels de Turnhout è stato nominato al posto del direttore del suo gabinetto.
Il Werkgroep Morkhoven può dunque ancora annunciare che farà del suo meglio per evitare la rielezione di Mme Turtelboom nel nuovo governo federale che sarà scelto l'anno prossimo.

---

Sulla foto: Premier-Ministre Elio di Rupo, la Ministra Turtelboom (a sinistra) e la ministra Milquet alla presentazione del 'Project National per la sicurezza' che annunciava che la sicurezzza di tutti i cittadini era la priorità assoluta del governo'.

+++++++

Marcel Vervloesem è diabetico, soffre di malattia renale e cardiaca, ed ha un cancro della prostata. Di quest'ultimo è stato operato. Le sue malattie hanno avuto necessità di più di venti ricoveri d'urgenza all'ospedale. Nelle prigioni di Bruges e Turnhout, dopo la sua precedente condanna, non riceveva nessuna cura e medicine di cui aveva bisogno. Per l'operazione a cuore aperto che lui dovette subire in quel periodo, si è pensato essere necessario legarlo con delle catene al letto operatorio. I giudici della corte di Turnhout gli avevano imposto nel 2006 un divieto di non parlare con la stampa ed i media, - divieto che è sempre in vigore. Benchè membro della direzione del Werkgroep Morkhoven, gli è stato vietato di partecipare alle riunioni della direzione del gruppo, come a quelle degli altri membri. Lui non ha il diritto di collaborare con le organizzazioni che lottano contro gli abusi sessuali dei bambini, nè il diritto di incontrare i suoi amici del Werkgroep, o di scrivere o di telefonare, benchè loro,ogni settimana, lo abbiano vi sitato fedelmente durante il suo precedente soggiorno di due anni di prigione. Poi,a lui è stato vietato di lasciare il paese,per impedire di partecipare a conferenze sulla pedocriminalità,e per paura che parli ancora del caso Zandvoort.

15/06/2012

LETTERA APERTA A Jean-Paul PHILIPPOT de la RTBF (radio televisione belga)

VictorHissel.jpgLETTERA APERTA A Jean-Paul PHILIPPOT, Aministratore Generale dellaénéral de la RTBF (restata fino ad oggi senza risposta)

 
EMBOURG, ce 5 juin 2012
 
À Monsieur Jean-Paul PHILIPPOT
Administrateur général de la RTBF
Boulevard Auguste Reyers, 52
1044 Bruxelles

Sognor Amministratore,
 
Concerne : La ridiffusione di una trasmissione da RTBF
 
Tengo a precisarvi la mia preoccupazione  concernente il caso di Maître Victor HISSEL.
 
Le mie inquietudini sono fondate dal fatto che io ho saputo recentemente e da fonte sicura che, nell' impianto del quadro della trasmissione « DOVERE D'INCHIESTA » del 4 luglio prossimo, la RTBF procederà alla ridiffusione del reportage di 50’00 volte diffuso il 6 giugno 2011 intitolato “Il dossier Hissel, il prezzo del silenzio” e il cui contenuto è già comparso, totalmente, partialmente, a pezzettini, e che parla solo,e unicamente, di Victor Hissel, che, un anno prima, fu già oggetto di un altro reportage di 50’00, unilaterale, e senza che si avesse la possibilità di rispondervi, diffuso il 22 settembre 2010, in seguito alla sua condanna in Appello. 

Durante questo lungo periodo l'avvocato Victor Hissel ha dovuto attenersi alle raccomandazioni urgenti, delle autorità dellOrdine medesimo, di non parlare con la stampa, tenuto conto, sebbene,come padre, della sua qualità di avvocato. Lui si è piegato al dovere delle condizioni che gli imponevano ancora procedure pesanti e gli impongono tutt'ora procedure limitanti ancora in corso. Lui stesso non ha desiderato,ansiosamente, di entrare in conflitto aperto con suo figlio per mezzo dei media. Ma questo diritto al silenzio, deve essere rispettato dai giornalisti  che non li dispensa dal loro dovere di analisi e di obbiettività equa. 

C'è un principio, attualmente discusso in modo strenuo in ciò che concerne le informazioni in linea su Internet,  ma la cui applicazione avrebbe dovuto applicarsi già da lungo tempo ai media, tanto è grande il numero di persone che ne hanno sofferto. E' il principio del « diritto all'oblio »  che sembra vietare ogni ridiffusione dopo un tempo ragionevole.

Io sono stato personalmente implicato nella produzione di trasmissioni « Fatti diversi  TV », che fu rispettosamente privo di ogni antagonismo, mentre che fatti discutibili, stati psicologici, reputazioni erano ogni volta in gioco. Mai ho accettato di procedere a una replica senza prima aver avvertito i principali componenti ed ottenuto il loro assenso. Victor Hissel non è stato mai consultato. 

Ma c'è un altro principio enunciato dagli specialisti del diritto penale : « il fine di una condanna e di una pena è di permettere la riabilitazione prevedibile nel tempo » . E dunque esiste un diritto fondamentale a vivere la tregua che deve permettere  di ricostruirsi una vita familiare e sociale dopo la condanna.

Questa ridiffusione, che non fa parte nemmeno della libertà di informare, poichè ormai totalmente ridondante, e che si accompagna a comunicati di stampa e di annunci strombazzati, non produce quindi quella tregua necessaria in un periodo cruciale dove un'istanza disciplinare di appello deve ancora decidere dell'avvenire professionale di Victor Hissel, – la RTBF vorrebbe far pressione    ancora una volta, che la medesima non potrebbe fare !

Ma ci sono altri elementi di preoccupazione.

Questo procedere è più destabilizzante e contestabile e che è stato fonte di numerose riedizioni che la RTBF ha malignamente sottolineato che Romain HISSEL era una personalità fragile e necessitante di cure ad hoc.

IL semplice buon senso dovrebbe considerare che essere di nuovo al centro della mediatizzazione e utilizzato per riproporre la « propria » versione  e la « propria versione » del padre, non darebbe nessun aiuto a Romain HISSEL. E ci si può domandare quale psicologo o psichiatra possa sostenere il contrario.

In conclusione, e e come si sa che i cambiamenti di mentalità, individuali o istituzionali,  sono sovente il movente della resistenza di alcuni, come in certi casi particolari, io mi permetto di formulare una domanda troppo pressante perchè la RTBF mostri quello che può portare avanti come una informazione dignitosa, nella responsabilità e qualità di quello che propone, e in tal modo si faccia promotrice nel rispetto dei principi calpestati,tra l'altro,nella dichiarazione europea dei Diritti dell’ Uomo e la Costituzione belga e che sono 

-        Diritto a condurre una vita conferme alla dignità umana

-        Diritto di non essere esposto a trattamenti inumani e degradanti

-        Diritto ad un processo equo

-        Diritto al rispetto di una vita privata 

Io lascio alla RTBF, al suo amministratore generale, alla Direzione dell'informazione ed alle sue Unità della produzione la cura di mostrare il degrado dell'umanità di cui è capace.

José DESSART
Giornalista.
Autore del blog « Umori e rispetto »
118, voie de Liège
4053 EMBOURG

--

Questa lettera è stata mandata a

Monsieur Jean-Pierre JACQMIN, Directeur de l’Information à la RTBF
Monsieur Daniel Brouyère, Directeur de l’Unité de Production Magazines
Messieurs Gérard Rogge et Robert Neys, Co-Editeurs du Magazine Devoir d’Enquête
Monsieur Alain Gerlache, Secrétaire général de la CTF,  Chroniqueur et spécialiste des Médias à la RTBF
Monsieur Marc JANSSEN, Président du CSA
Monsieur André LINARD Secrétaire Général du  CDJ
Monsieur Marc Lits, Directeur de l’Observatoire du récit médiatique, UCL
Monsieur Jean-Jacques Jespers Chercheur en communication et déontologie des médias, ULB
Monsieur Bernard Hennebert, coordinateur de l’ATA, (association des téléspectateurs actifs)
Monsieur Eric LEMMENS, le Bâtonnier de l’ordre des Avocats du Barreau de Liège
Monsieur Patrick HENRY, ancien Bâtonnier de l’ordre des avocats du Barreau de Liège
Monsieur Robert DE BAEDERMAEKER , Président de l’OBFG
Monsieur Jean-François ISTASSE Président de la Commission de la Culture et de l’Audiovisuel
Madame Fadila LAANAN, Ministre de la Culture et de l’Audio-visuel

Publblicata il 14 giugno 2012 da José DESSART

http://jsdessart.wordpress.com/2012/06/14/lettre-ouverte-...

19/05/2012

Caso Zandvoort: Marcel Vervloesem liberato dopo 5 mesi di prigione

Marcel_nieuwsblad_001.jpg

Bruxelles, 18 maggio 2012


Cari(e) amici(e),

Soggetto: Marcel è di fatto libero

Mercoledì, 16 maggio 2012, dopo 5 mesi di prigione preventiva', Marcel è stato liberato e lui ha potuto ritornare a casa sua. E' stato ricondotto a casa su una piccola camionetta.

Come sempre, la notizia era anche diffusa dall'agenzia di stampa Belga (dello Stato belgo) ed è stata copiata dagli altri giornali pari pari, senza il minimo commento sotto il titolo 'Marcel Vervloesem in libertà condizionale'. Ma sono le solite condizioni che lui aveva già ,con una sola differenza in più: la polizia di Turnhout deve controllare che non abbia contatti con noi dell'associazione sua, nè con l'attore fiammingo Jo Reymen, nè con la Fondazione delle principesse de Croÿ e Lancelotti, ciò che è completamente ridicolo.  
Marcel ha anche il divieto di avere dei contatti con associazioni che lottano contro l'abuso sessuale dei bambini.

La decisione di liberare Marcel è arrivata dopo la riunione del tribunale di Turnhout dove l'avvocato di  Marcel ha difeso per circa mezz'ora Marcel, che per la prima volta dopo il suo arresto, ha potuto parlare anche lui.

I giudici pretendevano che loro non sapevano nulla dell'arresto inferto dalla corte dell'applicazione delle pene di Anversa, già in febbraio, quando dichiaravano Marcel innocente sulla base dei risultati dell'inchiesta giudiziaria.

Il ministro della Giustizia belga, Anne-Marie Turtelboom (Open VLD, i liberali fiamminghi) è stata durante 5 mesi al corrente del dossier di Marcel e di tutto ciò che è successo nella prigione di Turnhout dove c'era un numero tale di prigionieri (210 al posto di 120 per i quali è preposta), che una parte dei detenuti era obbligata a dormire su un materasso steso al suolo.
Il suo ministero ha risposto una sola volta alle nostre lettere. Era per rispondere a la denuncia per il furto dei nostri documenti e materiale vario davanti al ministero della Giustizia a Bruxelles, dove c'è anche il suo ufficio.

Turtelboom non ha avuto il minimo cenno di reazione alle nostre denunce che le lettere di Marcel (anche quelle di sua figlia e della sua nipotina)  erano ferme per più mesi e tutto questo in violazione della legge e dei diritti dei prigionieriE come noi sappiamo, il ministro ed i suoi servizi permettevano che Marcel fosse rinchiuso con un malato mentale nella medesima cella per circa una settimana, ciò che di fatto ha peggioratoMarcel che ha avuto infezioni e problemi cardiaci per i quali è dovuto andare con urgenza all'ospedale St. Elizabeth a Turnhout. Là, durante 5 giorni, Marcel è stato incatenato al suo letto di ospedale
Ciò prova ancora una volta che Turtelboom vede le persone che sono rinchiusi senza la minima ragione giustificiativa in detenzione preventiva, come criminali veri e propri.

E poi c'è anche tutta la storia sul rapporto psichiatrico di V., il giovane che ha accusato Marcel, e che i giudici della Camera di Consiglio (camera correzionale) di Turnhout hanno utilizzato come pretesto per mantenereMarcel ancora 5 mesi in prigione. Questi giudici sono gli stessi che hanno perseguitato Marcel per 11 anni nel caso di Zandvoort.  
Il fine di questo rapporto era anche di dare a V. lo status di 'vittima credibile' e di poter accusare di  nuovo Marcel. Il ministro Turtelboom era informato sempre durante questi mesi di questo caso e sviluppi, ma lei si guardava bene dal rispondere.

Il ministro ha nominato il procuratore di Turnhout come capo del suo cabinetto...

Qualche mese fa, la nostra associazione ha inviato dei documenti importanti sul caso Zandvoort a Turtelboom. Il contenuto di questi documenti era direttamente legato all'abuso e violenze su minorenni negli asili nido di Amsterdam. Ma Turtelboom non rispondeva alla domanda della nostra associazione di inviare queste informazioni ai colleghi olandesi.

Da qualche giorno, io ho presentato denuncia alla procura federale a Bruxelles per le numerose irregolarità nel processo penale contro Marcel a Turnhout.
Il procuratore federale mi ha risposto subito con una dichiarazione breve ''che lui non trovava la prova che fosse davvero io che gli aveva spedito l'email''.

Poi io ho inviato alla procura federale più ampi ragguagli sulla falsificiazione del rapporto psichiatrico nel quale V. era dichiarato come un «bravo ragazzo» mentre lo psicologo sapeva che V. aveva un fascicolo giudiziario al tribunale della gioventù di Turnhout.
IL procuratore federale mi rispondeva allora che la mia lettera era stata trasmessa al procuratore di Anversa dove io potevo inviare tutte le mie informazioni di questo caso.

GRAZIE PER IL VOSTRO AIUTO !

Jan Boeykens, presidente dell'Associazione Werkgroep Morkhoven

-----

PS. Voi potete pubblicare questa mia lettera.