16/02/2012

Caso pedocriminale Zandvoort: 'Politico' o 'non-politico' ?

mvervloesem-kleinkinderen.jpg
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Sur 'Werkgroep Morkhoven' Facebook
https://www.facebook.com/groups/200250393321072/ :

Marcel Vervloesem è stato, immediatamente dopo la sua rivelazione sul caso della rete pedosessuale di Zandvoort (90.000 bambini) e per l'attenzione internazionale per questo caso, è stato subito perseguitato dal fratellastro. La denuncia de suo fratellastro è stata preceduta da un'accusa sul tabloïd fiammingo 'Het Nieuwsblad'.  

Il fratellastro di Marcel Vervloesem che è un semianalfabeta ed utilizza una scittura fonetica, è un membro del consiglio del Sp.a (Partito 'Sociale-Progressista-Alternativo) a Herentals. Lui è stato nominato come membro del consiglio del CPAS à Herentals. Lui è pure membro del consiglio di 'Geelse Bouwmaatschappij'  (Marcel ed i suoi amici lo hanno escluso dal loro alloggio sociale di GeelseBouwmaatschappij).  Lui è stato nominato presidente del Comitato di Sicurezza e della Polizia municipale della città di Herentals.  Lui rappresenta la città di Herentals nelle due intercomunali...  Al tempo stesso, ci sono circa 30 Processi verbale circa infrazioni sessuali con dei ragazzi violentati da lui.

Dopo il 1998, Het Nieuwsblad ed altri  tabloids pubblicano i commentari astiosi di quest'uomo contro il suo fratellastro Marcel quando sono 4 anni che il giudice del tribunale di Turnhout ha vietato a Marcel Vervloesem di parlare coi giornalisti.
IL Werkgroep Morkhoven anche non può pronunciarsi via tabloid.
Allora l'associazione è obbligata a mettere le sue info su Internet.
E' per questa ragione, sono ormai anni, che è stato chiesto nel consiglio municipale di Herentals di chiudere il Werkgroep Morkhoven d'Internet.
Il fratellastro è diventato membro del consiglio municipale di Herentals grazie ad un centinaio di voti ed il sostegno del Sp.a.   Noi sappiamo che la Sp.a sostiene i gays e le lesbiche, ma questa non è una ragione per sostenere i pedocriminali.

Photo: Marcel Vervloesem assieme ad uno dei suoi quattro nipotini

Commenti

I tabloid e il processo dei media...

'Marcel Vervloesem resta in carcere'

Il Belgio conterà 1.800 posti in più in prigione negli anni
2013-2014. La giustizia di bruxelles "vicina alla voragine"manca di effettivi
per incriminare i delinquenti di guerra che vivono in Belgio
(Belga) La camera di consiglio di Turnhout ha confermato martedì la detenzione di
Marcel Vervloesem, 59 anni. IL "cacciatore della pornografia infantile"
autoproclamatosi tale, originario di Morkhoven e domiciliato
attualmente a Turnhout, si trova dopo la settimana scorsa di nuovo dietro le sbarre.
Lui è sospettato di morbose carezze e violenza sul nipote minorenne.
Vervloesem si presentava, lui ed il suo Werkgroep Morkhoven,
come dei paladini contro la pedopornografia
mai ha finito per essere anche lui imputato di ciò. Lui è stato condannato nel
2008 dalla corte d'appello di Anversa a 4 anni di prigione,
notoriamente per abusi sessuali su minori. Lui ha beneficiato
di una libertà con condizionale nel 2010.
Il suo avvocato dice che si opporrà a queste nuove notizie. (MUA)

24.1.2012

Scritto da: Werkgroep Morkhoven | 16/02/2012

I commenti sono chiusi.